Pina Bausch

Vieni -mi abbracci, ti alzi, tiri il gatto in cucina/ torni,
ti annuso, ti pettino con le dita/ sei sudata,
odori di neonato// Mi guardi, ridi, io guardo
davanti a me/ mi sono esposta troppo, mi tolgo,
mi allontano// Ritorno, mi sdraio, parliamo a bassa voce/
sorrido, mi lavo, ti vedo/ nello specchio, ti bacio//
Hai le mani fredde, te le scaldo, hai i piedi freddi
e sei sudata/ il tuo corpo è strano, il mio distante/
ho parlato troppo, non è un bene, devi spostarti, ti cerco/
con le labbra, con le mani, vorrei appoggiarmi sul tuo seno
e dormire/ ma sono esausta di tutta questa comprensione/
me ne devo andare// Mi alzo, vado alla finestra, mi vesto, esco//
Cammino per ore, mi fanno male i piedi, camminare
mi fa bene/ mi hai capita, hai sbagliato, il peggio che potessi fare//
Cammino come un conquistatore/ senza motivo, guardo in giro/
gli altri camminare senza battaglia, per una ragione// Ritorno,
ti ritrovo lì sorridente/ magari ti sei spostata, non è importante,
sei sempre stata lì/ mi esce di dire il contrario:
Fai finta di niente//
Ridi a bocca spalancata, ecco i tuoi difetti, vorrei accarezzarli/
dubito che mi lasceresti metterti le mani anche lì/ (che tenerezza
però quel dente storto che come me se ne vuole andare)
Fai finta di niente per piacere//
Vieni – ti seguo, hai sempre respirato bene, mi respiri all’orecchio
per farmi sentire come si fa/ ti seguo, prendo l’aria e la tiro fuori
tutta// Ho sonno, mi metti la mano sul tuo seno/ devo dormire,
sono stremata da tutta questa comprensione.

V.Pinto

“Too young to hold on and too old to just break free and run”
Jeff Buckley

Annunci