M.Chagall, Les amants au ciel rouge, 1950
M.Chagall, Les amants au ciel rouge, 1950

 

Così lontana

troppo lontana.
Di che colore è il tuo sole
si vola lì, mangi mai?
Così lontana.
Se prima ti sentivo nelle ossa
ora non abiti più questo mondo che invento.
Troppo lontana.
Eppure insistono
dicono che ci sei.
Non riesco a crederci
mi vivevi così vicina
che se ci fossi
anche se distante ti sentirei.
Perciò ti chiedo:
quante lune ha il tuo cielo
esistono le stagioni
adesso in quale sei?

Veronica Pinto

La solita strada, bianca come il sale
il grano da crescere, i campi da arare.
Guardare ogni giorno
se piove o c’e’ il sole,
per saper se domani
si vive o si muore
e un bel giorno dire basta e andare via.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Andare via lontano
a cercare un altro mondo
dire addio al cortile,
andarsene sognando.
E poi mille strade grigie come il fumo
in un mondo di luci sentirsi nessuno.
Saltare cent’anni in un giorno solo,
dai carri dei campi
agli aerei nel cielo.
E non capirci niente e aver voglia di tornare da te.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Non saper fare niente in un mondo che sa tutto
e non avere un soldo nemmeno per tornare.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.

Luigi Tenco

Annunci