E ci siamo trovati pressappoco quindici anni fa, quasi all’alba, nel corridoio centrale di un bosco, e poi non ci siamo trovati più.
Una ragazza con in mano un lombrico e un ragazzo con una lumaca sopra una lattina di birra.
Camminavamo lenti, allontanandoci dalla musica, dagli altri. E abbiamo proseguito insieme per un po’, quasi senza parlare, ci siamo mostrati i piccoli animali che avevamo fra le dita e siamo entrati, facendoci coraggio con gli occhi, nel folto del bosco.
Stava per arrivare mattina, ognuno di noi parlando a se stesso si chiedeva cosa stesse accadendo, senza preoccupazione, continuando ad entrare, passo passo nel fitto della vegetazione.
Al nostro passaggio ogni cosa viva si svegliava, ogni cosa viva: alberi, arbusti, fili d’erba, ci faceva strada, una natura flessuosa e vibrante.

Usciti dal bosco ci si apriva lo sguardo ad un largo prato, la rugiada lucente luccicava l’aria, all’orizzonte si alzava il sole. Vicini e abbracciati noi: due ragazzi una lumaca e un lombrico, senza parole, seguendo con le mani la rotta del sole, commossi, interamente immersi in quel sogno. Poi, in pieno pieno giorno, stretti, addormentati, dimentichi di tutto.

Veronica Pinto

 

Annunci