renhang6

Foto: Ren Hang

 

Ascolta. L’acqua che scorre. Il campanile che suona le undici meno un quarto, il vocio in lontananza e più lontane le macchine, un clacson, una bestemmia. Senti, il piccione che si avvicina alla mollica, la gatta in calore, quell’uomo che dice: mo’ nonno te porta a vedé le pecore. Sopra nel cielo senti il rumore di un aereo che passa, niente che ti desti preoccupazione, e l’ambulanza, una sirena tra tutto il vociare. Il caso chissà, qualcuno che muore o si rompe il femore, la vecchiaia, una fatalità.  La creatura piange, non per fame, non per dolore. Osserva, la luce colora metà piazza, il resto in ombra per chi di questa stagione ha i capogiri. I vecchi camminano lenti portando i loro carichi a rotelle, qualcuno corre. E tu sai che dovunque in questa piazza, dentro le vite di tante persone, tu sai, per quanto la campana abbia un suono dolce, che la violenza che forgia queste nostre vite è bestiale. Dietro il velo, in questo andirivieni pacifico, dalla nascita, è bestiale.

Continue reading “PeaceandLove”

Annunci